immagine__

Più facile usare l’auto elettrica

Tesla ha previsto di realizzare una rete di ricarica gratuita per tutti i suoi clienti che spazia dal Mediterraneo al nord della Norvegia. La distribuzione delle colonnine di ricarica del tipo Supercharger è tale che, con un minimo di programmazione del viaggio, consentirà di effettuare anche lunghe percorrenze con un costo zero delle ricariche.

Anche IKEA, sempre attenta all’ambiente, è attiva in questo settore. Infatti  è previsto che ogni negozio IKEA metta a disposizione due colonnine per la ricarica delle auto elettriche. A questo proposito il Sustainability manager di IKEA Italia Stefano Brown, ha dichiarato:

“La mobilità elettrica presenta grandi potenzialità in termini di riduzione dell’inquinamento sia atmosferico che acustico. Ecco perché crediamo in questo progetto e stiamo sperimentando varie tecnologie e soluzioni per offrire una possibilità in più ai nostri clienti di fare una scelta sostenibile. È un altro piccolo passo verso il nostro obiettivo di abbassare in modo consistente le emissioni di CO2. Non ci fermiamo qui: continueremo ad investire sulla sostenibilità nonostante la contingenza economica”.

Per raggiungere questo obiettivo IKEA ha firmato un protocollo d’intesa con Enel che consentirà l’installazione di due colonnine di ricarica nei suoi negozi in Italia.

All’inizio l’accordo si riferisce a diciotto dei venti punti vendita IKEA italiani  e sarà esteso a tutti i negozi italiani entro i primi mesi del 2017.

Questa iniziativa fa parte del programma di IKEA “People and Planet Positive” inteso a diminuire l’impatto sull’ambiente delle proprie attività.

La installazione delle colonnine da parte di Enel, che saranno di di tipo Pole Station, prevede che possano funzionare sia in modalità “slow” (3kW), che in modalità “quick” (22 kW) garantendo la compatibilità con gran parte dei veicoli elettrici. I clienti IKEA potranno lasciare la propria vettura in carica  che sarà gratuita per tutti i soci IKEA Family.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *