ricarica

Auto Elettriche e gestione della produzione di energia

È noto che uno dei problemi legati alla produzione dell’energia elettrica con i pannelli solari è la sua concentrazione nelle ore diurne quando la richiesta non è la massima.  La diffusione dei veicoli elettrici ha reso concreta  la possibilità di utilizzare le loro batterie come un accumulo di energia durante i periodi di maggiore disponibilità per rilasciarla  nelle ore di maggiore richiesta. Su questa possibilità stanno lavorando sia i produttori di batterie che le grandi compagnie elettriche nell’ottica di una mobilità eco friendly nella quale i veicoli elettrici diverrebbero parte integrante di una rete “smart” dove  i fabbisogni  vengono adeguati alle richieste utilizzando le batterie come un serbatoio di energia. Tutto questo potrebbe essere reso più conveniente da una nuova tecnologia che consente di rendere più rapida sia la ricarica delle auto elettriche che dei cellulari, sviluppata da un istituto di ricerca sulle nanotecnologie fondato dalla University of Central Florida.  Un nuovo processo facilita la fabbricazione di supercondensatori dotati di proprietà straordinarie ,come quella di essere capaci di resistere a oltre 30 mila cicli completi di ricarica, che potrebbero presto rimpiazzare le batterie tradizionali. Inoltre i supercondensatori non decadono come una batteria tradizionale, che dopo circa un anno e mezzo inizia a scaricarsi sempre più in fretta. Anche dopo migliaia di ricariche questi sistemi di accumulo non vanno incontro a processi di degradazione e mantengono inalterata la loro efficienza  immagazzinando molta più energia rispetto ai sistemi di accumulo convenzionali. La tecnologia utilizzata si basa sui nano materiali e non è ancora disponibile commercialmente.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *